Bucarest, cosa fare e vedere nella capitale della Romania

Bucarest
Bucarest, panorama notturno

Bucarest, una meta alternativa per una vacanza speciale

Bucarest è la città più popolosa della Romania e la sesta in Europa. Una meta particolare ed interessante. Facilmente raggiungibile da ogni angolo di Europa e non solo.

È indubbio, le compagnie aeree low cost hanno aperto una miriade di opportunità di viaggio rivolte al grande pubblico, dotandosi di una rete di tratte così capillare da riuscire a condurre i propri clienti in città che mai avrebbero pensato di visitare.

Eppure, il turismo alternativo, quello che si discosta dalle celebri capitali o dai più rinomati capoluoghi delle diverse nazioni, sta diventando un fenomeno davvero importante: la curiosità e l’apertura verso culture meno conosciute e la possibilità di toccarle con mano, a prezzi accessibili ha sdoganato mete che – ad un primo sguardo – potrebbero essere considerate di nicchia. In questo articolo, vogliamo raccontarvi la cultura locale di Bucarest e le sue bellezze. Scopriamo quindi cosa vedere a Bucarest.

Bucarest, un’imperdibile scoperta

Bucarest è innanzitutto la capitale della Romania: posizionata a sud del paese, si attesta senza dubbio come principale snodo commerciale di tutto il territorio nazionale. La sua architettura – come vedremo nelle prossime righe – raccoglie l’esperienza comunista, mentre la rinomata tradizione leggendaria non può che rimandare i visitatori alla temibile storia del principe Vlad III, soprannominato l’Impalatore.

Al di là della sua storia travagliata e del suo essere stata per lungo tempo ignorata dal turismo, Bucarest sa sorprendere i visitatori che si apprestano a conoscerla. Vediamo insieme le attrazioni più importanti che il capoluogo della Romania offre e le incredibili risorse per passare il tempo libero durante una fugace vacanza in questi territori misteriosi e affascinanti.

Il Palazzo del Parlamento

Il palazzo del Parlamento di Bucarest
Palace Of Parliament Bucharest – Il palazzo del Parlamento

Così imponente e maestoso, è impossibile che durante una camminata turistica nel centro cittadino il Palatul Parlamentului passi inosservato: fortemente voluto dal dittatore Ceausescu come prova di grande potere, presenta ben 84 metri di altezza a partire dalla superficie del terreno e oltre 90 metri sottoterra. La larghezza di 240 metri e la profondità di 270 ne fanno l’edificio politico e amministrativo più grande del mondo, dopo niente meno che il Pentagono.

I numeri che ruotano attorno alla storia della sua costruzione sono impressionanti, basti pensare che – nei primi anni Ottanta – furono coinvolti in questa vera e propria impresa ben 700 architetti, che curarono finemente la struttura esterna e l’interno, dotato di 1000 stanze. Il Palazzo del Parlamento ospita attualmente due musei, oltre ad uno aggiuntivo dedicato all’edificio stesso: il Museo Nazionale d’Arte Contemporanea e il Museo del Totalitarismo Comunista.

La casa di Ceausescu

La casa di Ceausescu
La casa di Ceausescu

La Casa di Ceausescu è famosa come Palatul Primaverii, questo edificio è l’ennesima prova delle manie di grandezza di Ceausescu. L’ex dittatore, infatti, volle per sé una residenza davvero maestosa: una reggia composta da più di 80 stanze con cinema interno e piscina privata. Attualmente, questo edificio è stato adibito a museo.

Il National Village Museum

National Village Museum
National Village Museum

All’interno del suggestivo parco Herăstrău, in riva all’omonimo lago, è possibile visitare un vero e proprio museo etnografico all’aperto che vi trasporterà nelle antiche tradizioni romene, facendovi cogliere un passato davvero caratteristico e ricco di valori popolari. Il National Village Museum è popolato dalle tipiche casette di legno, ricostruite fedelmente, alcune delle quali consentono l’ingresso ai turisti per un’esperienza ancora più intensa e completa.

Le case sono arredate minuziosamente con i mobili dell’epoca e sono complete di suppellettili e accessori propri di una tradizione povera e contadina. Il National Village Museum è il luogo ideale per trascorrere un pomeriggio all’insegna della cultura e delle tradizioni popolari, se in viaggio con voi ci sono dei bambini, questo posto li incanterà certamente!

Il Parcul Herăstrău

Il Parcul Herăstrău
Il Parcul Herăstrău

Lo abbiamo appena citato in quanto fa da cornice al meraviglioso museo etnografico a cielo aperto, tuttavia questo splendido polmone verde merita una menzione a sé. Perfetto per rilassarsi nel verde e prendersi una pausa dal grigiore di alcuni scorci cittadini derivanti dall’epoca comunista, questo parco offre suggestivi giri in barca sul lago, diverse strutture sportive per lo svago e caratteristici baracchini dove gustare dolci tipici immersi nella natura.

Chiesa Stavropoleos

La Chiesa Stavropoleos

La Chiesa Stavropoleos è senza dubbio uno dei più bei luoghi di culto presenti a Bucarest. Attigua rispetto all’omonimo monastero, non si trova in una posizione di grande rilievo, anzi è addirittura nascosta tra le case nel centro della città. Nonostante questo, si tratta di un’attrazione imperdibile per chi visita il capoluogo della Romania. La sua costruzione risale al 1724 e l’architettura tipica romena presenta una imperdibile torre con una cupola decorata finemente. Il chiostro di questa bellissima chiesa vi lascerà davvero incantati.

Chiesa Crețulescu

Chiesa Crețulescu
Chiesa Crețulescu

Un perfetto tour di Bucarest deve necessariamente passare anche per la Chiesa Crețulescu, posizionata in Piazza della Rivoluzione: il suo colore rossiccio la rende facilmente individuabile e inconfondibile. Come la Chiesa Stavropoleos, risale al Settecento ed ha attraversato numerosi imprevisti come terremoti, minacce di distruzioni durante il regime comunista e alcuni restauri. Fortunatamente, questo capolavoro, ricco di arredi preziosi e finissimi affreschi, è ancora oggi uno dei simboli cittadini per eccellenza.

L’Ateneo

Ateneul Român
Ateneul Român

Passeggiando per Bucarest, sicuramente vi imbatterete nell’Ateneul Român, aperto alla fine degli anni Ottanta: si tratta della sala per concerti più famosa e rinomata dell’intera nazione. L’Ateneo è la sede ufficiale della Filarmonica George Enescu intitolata al più celebre compositore della Romania. Nei suoi edifici così caratteristici, ogni anno, prende vita l’omonimo Festival di musica: se capitate a Bucarest durante questa manifestazione, vi consigliamo di partecipare ad uno dei concerti in programma, sarà un ricordo davvero prezioso e indelebile di questo viaggio in una metà così singolare.

Il Teatro Nazionale

Il Teatro Nazionale
Il Teatro Nazionale

Il Teatro Nazionale di Bucarest è un luogo abbastanza moderno, in quanto edificato negli anni Settanta in prossimità del precedente teatro nazionale, bombardato e distrutto nel corso del secondo conflitto mondiale. La nuova costruzione lo afferma come uno dei più imponenti d’Europa.

L’Arco di Trionfo di Bucarest

Arco di Trionfo di Bucarest
L’Arco di Trionfo di Bucarest

Come molte altre città, anche Bucarest ha il suo Arco di Trionfo, costruito nel 1878 come celebrazione imperitura dell’indipendenza romena. Nonostante non abbia molto in comune con gli archi più famosi di cui può vantarsi il continente europeo, nell’ottica di una visita alla città è certamente una tappa da prevedere!

La Sinagoga

La Sinagoga di Bucarest
La Sinagoga di Bucarest

La Grande Sinagoga di Bucarest risale a metà dell’Ottocento e si caratterizza per tratti architettonici minimali. È tutt’ora frequentata dalla comunità ebraica del posto e certamente la bellezza dei suoi interni vale una visita. Nel comprensorio della struttura è possibile visitare inoltre il Museo dedicato alla deportazione: un’esperienza intensa e davvero profonda.

Quartiere Lipscani, la città vecchia

Quartiere Lipscani
Quartiere Lipscani

Il quartiere Lipscani costituisce il centro storico di Bucarest. Si tratta di una delle zone più suggestive della città, perfetta per lo svago, ma anche per immergersi della cultura locale. È caratterizzata da ampi viali ciottolosi – risalenti al periodo comunista – incorniciati da edifici in stile gotico, barocco e neoclassico: un mix davvero distintivo e incredibile per gli appassionati di arte e architettura.

Questa zona è l’ideale se si desidera soggiornare in hotel rinomati e se si vuole trascorrere una serata di divertimento in ristoranti tipici, dove gustare le prelibatezze del luogo.

Vita notturna e cibo tradizionale in giro per Bucarest

La popolazione locale adora le feste e la vita notturna: per questo di sera il divertimento è assicurato grazie a serate in discoteca e altri eventi per l’intrattenimento che si protraggono fino alla mattina.

Bucarest è ricca di ristoranti tipici, specialmente nel centro storico della città. Qui è possibile gustare le prelibatezze tipiche come la ciorbă de burtă, ovvero una sorta di trippa molto saporita, e gli involtini di carne piccante, chiamati mititei.

Il mercato cittadino giornaliero è un’altra esperienza irrinunciabile per conoscere in maniera ancora più profonda la cultura e la vita quotidiana di Bucarest: tra le stradine si susseguono solitamente numerose bancarelle in grado di offrire oggetti e alimenti dei tipi più variegati e tradizionali. Qui, le folkloristiche signore intente a vendere intere corone di aglio vi incanteranno.

Come abbiamo visto, Bucarest è una città in grado di sorprendere i propri visitatori, pertanto è bene non farsi ingannare dagli imponenti edifici risalenti al periodo della dittatura, in quanto i vicoli e gli angoli più nascosti della città nascondono spesso delle vere perle di cultura e tradizione, caratterizzate da architetture particolari e variegate: il suo mix di stili differenti, la vita brulicante, i ristoranti in cui gustare gli ottimi piatti tipici vi dimostreranno che Bucarest è una meta di tutto rispetto da includere nelle proprie rotte in giro per il mondo.

Che si tratti di un week end tra amici, di un viaggio in famiglia, oppure della tappa di apertura per un tour nell’est Europa, Bucarest vi appassionerà senza alcun dubbio! Un altro luogo da visitare in Romania è Iasi. Da non dimenticare anche il Castello del Conte Dracula o meglio definito come il Castello di Bran. Ricordiamo in ultimo, per completare la presentazione il nostro articolo dal titolo: Romania cultura, tradizioni e leggende in un’atmosfera medievale

Booking.com