Visitare la Croazia: luoghi scenari e attrazioni, tutto quello che c’è da sapere

Croazia
Dubrovnik in Croazia, vista panoramica sulle mura della città

I Croati sono fieramente orgogliosi del loro paese, anche se la geografia e la storia l’hanno resa una terra di diverse parti – che si aggiunge a tutta una serie di soddisfazioni storiche e culturali. Tuttavia molta con molta enfasi, i croati hanno messo su una singola identità, la strana forma del paese ha creato una nazione di diversi sapori distinti.

C’è una parte del paese che si estende verso l’interno attraverso la Croazia continentale verso la capitale, Zagabria: qui l’eredità culturale degli Asburgo è evidente. Un’altra grande striscia, lambita dal blu dell’Adriatico dall’Istria verso il basso e attraverso centinaia di isole e la costa dalmata, rivela il timbro dei Veneziani e – più recentemente – degli italiani. Poi c’è l’interno robusto, con drammatiche catene montuose calcaree che sovrastano canyon, gole, cascate e fiumi.

La Croazia oggi

Questa incredibile diversità offre una scelta vertiginosa al turista di oggi, e l’ingresso della Croazia all’Unione europea nel 2013 ha reso il paese ancora più facile da visitare. La parte difficile è decidere da quale regione si vuole iniziare ad esplorare. Anche se le cicatrici rimangono del 1991-5 ovvero gli anni della guerra che ha strappato l’ex Jugoslavia in parte, la Croazia ha trascorso gli anni successivi tranquillamente trasformandosi in una delle più ambite destinazioni in Europa.

Top luoghi da visitare in Croazia

Anche l’idea di una semplice vacanza al mare diventa piacevolmente complicata al momento in cui si deve scegliere tra le località all’italiana sulla costa istriana, l’elegante Riviera di Opatija, le isole che punteggiano la costa da Quarnero sud, Dalmazia centrale e Hvar e Dubrovnik, con le sue isole.

I più attivi possono fare escursioni e salire in alcuni dei maggiori parchi nazionali spettacolari d’Europa – dalle vette carsiche del Velebit per le acque impetuose del fiume Krka. Le piste ciclabili e sentieri si snodano attraverso paesaggi tranquilli dell’Istria dei vigneti, oliveti e frutteti. I 16 laghi e le innumerevoli cascate di Plitvice sono uno spettacolo straordinario e una delle molte ragioni per girare lontano dal mare e puntare la testa verso l’interno. La costa adriatica è un sogno per i marinai, dove la moltitudine di isole costituisce uno scenario suggestivo. Zagabria, è la nuova capitale scelta dall’Unione Europea, brulica di una vivace cultura del caffè diffusa in tutto il suo centro storico. Seguite il percorso dei romani nell’anfiteatro meravigliosamente conservato a Pola e tra le sbarre dei colonizzatori nel Palazzo di Diocleziano a Spalato. Incantevole davvero!

Le città da visitare

Fotogenica, murata: Dubrovnik è ampiamente considerata come una delle città più importanti d’Europa. Il suo significato storico e architettonico è stato riconosciuto dall’Unesco, che l’ha posta sulla sua lista dei siti del patrimonio mondiale. Per ottenere una sensazione reale per Dubrovnik, è necessario prendere delle mura medievali che avvolgono il centro storico, aprendo vignette di vita locale e fornendo una vista a volo d’uccello di tutte le attrazioni principali. La salita è abbastanza ripida in alcune parti delle pareti robuste che salgono su per la collina dalla Porta Pile, l’ingresso principale alla città, prima che corra lungo un crinale e continui scendendo verso il basso oltre la Porta di Ploce. Le pareti meridionali precipitano verso l’Adriatico per grandi foto al tramonto.

La Dalmazia centrale è una delle regioni più popolari da visitare in Croazia e non è difficile capire perché. E’ facile passare un mese, figuriamoci una settimana, qui, esplorando le sue città storiche intriganti e rilassandosi sulle sue numerose isole aspre come Hvar e Vis, con le loro spiagge incontaminate e calde brezze profumate con lavanda selvatica e rosmarino. Il suo capoluogo è Spalato, i cui abitanti hanno la reputazione di essere cosmopoliti, edonistici e chic.

Con le sue foreste lussureggianti, Sveti Nikola come catena montuosa, il profumo di lavanda onnipresente, e una spruzzata di città storiche, Hvar è una delle più seducenti isole adriatiche della Croazia. Il lato negativo è che l’isola croata più visitata tende ad essere più costosa rispetto ad altri posti.

Infine c’è l‘Istria: la penisola a forma triangolare, che si estende nel mare Adriatico nell’estremo nord del litorale croato, è una delle più popolari destinazioni turistiche del paese. Dal 1960 i visitatori sono stati trasportati nelle stazioni appositamente costruite intorno a Rovigno, Orsera, Umago, Cittanova e la più attiva di tutti, Porec. Il programma di Agroturizam ha trasformato vecchi casali in ristoranti e piccoli alberghi.

Zagabria: le capitali

Zagabria, nonostante il suo fascino asburgico, non può mai essere intesa come una capitale nazionale, ma dal momento che la dichiarazione di indipendenza nel 1991 l’ha intesa in questo modo, ha preso il suo nuovo ruolo con gusto.

Una pletora di musei come il Mimara; un affascinante centro storico; un certo numero di parchi verdi, tra cui l’Orto Botanico; e una vivace vita notturna fanno di Zagabria una destinazione ideale per le vacanze. Molte persone verso la costa tendono a bypassare la capitale ed in tal modo perdono questa compatta, metropoli vivace, i cui abitanti più giovani “fanno” un ronzio che è particolarmente evidente nella sua miriade di caffè in una serata mite. Dovete essere consapevoli, tuttavia, che gli abitanti della città troppo tendono a dirigersi verso la costa nei mesi estivi, durante i quali la capitale calda diventa anormalmente tranquilla.

Ma quali sono le attrazioni a Zagabria? A dire il vero ne esistono tante: ad esempio i musei ma anche i parchi.

Il Mimara, miglior museo di Zagabria

Mimara museum
Mimara museum

Di fronte Rooseveltov Trg vi è il più impressionante museo di Zagabria, ospitato in una vecchia scuola di grammatica. Gli artisti rappresentati sono Raffaello, Caravaggio, Rembrandt, Rubens, Van Dyck, Velázquez, Gainsborough, Turner, Delacroix, Renoir, Manet e Degas. Ci sono stati borbottii persistenti da alcune sezioni del mondo dell’arte circa la dubbia autenticità di una parte del lavoro, ma se si prende in parola, il valore nominale della collezione è impressionante. I contenuti sono stati donati alla città da un collezionista della Dalmazia Ante Topic Mimara e comprendono anche reperti archeologici provenienti da tutto il Mediterraneo. Mimara museum

La neo-gotica cattedrale di Zagabria

Cattedrale Neo-gotica

Nel quartiere Kaptol, in salita dal Trg Bana Jelacica Josip, vi è la cattedrale neo-gotica, con i suoi campanili gemelli, progettati da Hermann Bollé. Un edificio religioso si è fermato sul sito dal regno dei re croati nel 10 ° secolo ed è ancora un luogo di culto per molti residenti locali. Le caratteristiche notevoli includono una serie di affreschi del 13 ° secolo che sono sopravvissuti a numerosi traumi della cattedrale, tra cui un devastante terremoto nel 19 ° secolo. La cattedrale è anche l’ultimo luogo di riposo del controverso pastore croato arcivescovo Stepinac, che è stato accusato di collusione con il regime fantoccio nazista durante la seconda guerra mondiale, ma è considerato un martire da molti croati.

Il museo eccentrico of Broken Relationships

www.brokenships.com

Una delle attrazioni più intriganti di Zagabria racconta storie di amore perduto e trovato attraverso gli oggetti donati da persone di tutto il mondo, e il risultato è struggente e coinvolgente.

La tranquilla bellezza dei giardini botanici

Giardini botanici di Zagabria

Ad ovest della stazione vi sono i giardini botanici, istituiti alla fine del 19 ° secolo. Circa 10.000 specie sono confezionate in piccoli confini, circondate da sentieri e panchine, e una delle piscine è sede di carpe e una colonia di tartarughe d’acqua dolce.

Esplorare i dintorni o la città con i mezzi pubblici

Zagabria ha un sistema di trasporti pubblici ben sviluppato ed efficiente, che si compone di tram, autobus e treni. La rete di tram funziona 24 ore al giorno e ci sono 15 “linee diurne” e ci sono 4 linee “night” che coprono la maggior parte delle linee diurne su una (circa 30-40 minuti) frequenza ridotta. Di tanto in tanto, gli autobus sostituiscono i tram sulle linee notturne. Ci sono le mappe delle linee di tram su quasi tutte le fermate, quindi se si conosce la fermata più vicina alla vostra destinazione si può semplicemente capire il viaggio più breve mentre siete alla fermata.

Per quanto riguarda gli autobus, ci sono 113 diurne e notturne 4 linee. Gli autobus ZET coprono l’area fuori dal centro della città, così come alcuni comuni limitrofi appartenenti amministrativamente alla Regione di Zagabria. Gli autobus utilizzano lo stesso sistema di bigliettazione come i tram.

Una storica funicolare (Uspinjaca in croato), una delle più ripide al mondo, opera tra la città inferiore e superiore. Mensile, ogni giorno così come un biglietto di sola andata del tram / bus può essere utilizzato: in caso contrario vi è una piccola tassa per un giro. Il prezzo di un singolo biglietto di sola orario valido per 1,5 ore è di 10 kune circa (più o meno 1,3 €) .

Booking.com