Bergamo, città di fascino e di storia

Bergamo è il capoluogo della provincia omonima situata in Lombardia. Questa città, che conta all’incirca 117.000 abitanti è divisa in due diverse zone, definite rispettivamente Città Alta e Città Bassa. Ricca di testimonianze del passato risalenti all’epoca medievali e in cui vi sono state influenze culturali anche dal veneto, Bergamo può essere considerata una città d’arte in cui è possibile visitare musei di ogni genere e ammirare le architetture appartenenti alle diverse epoche, dal medioevo al rinascimento, senza tralasciare poi gli elementi barocchi. Nella città Alta di Bergamo si trovano gli elementi antichi che sorgono sui colli, quali ad esempio il Castello di San Vigilio che domina dall’alto il paese, cinto dalle Mura Venete e al cui interno è presente la Cittadella. Punto di riferimento della città sono le due piazze principali: la Piazza del Duomo, in cui vi è l’edificio religioso maggiore, e Piazza Vecchia, nella quale sembra di fare un tuffo nel passato grazie alla presenza di elementi medievali quali Palazzo Nuovo, Palazzo del Podestà, la Torre Civica e la Basilica di Santa Maria Maggiore. Per quanto riguarda la città Bassa di Bergamo non si possono non  citare i numerosi musei presenti, grazie ai quali è possibile immergersi nella storia e nell’arte, sia religiosa, sia contemporanea. Inoltre è in questa zona che sono concentrati i la maggior parte dei negozi e locali, nonché botteghe artigianali e d’antiquariato.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio quali sono le maggiori attrazioni di Bergamo.

Il Castello di San Vigilio

Sul Colle San Vigilio, all’interno del Parco Regionale dei Colli, sorge una fortificazione risalente all’incirca al Quattrocento chiamata “Castello di San Vigilio”. E’ possibile visitare questa struttura, che nel corso dei secoli ha subito diverse ristrutturazioni, grazie alla presenza di una funicolare che permette di raggiungerla. Inutile dire come il Castello di San Vigilio sia una delle mete che coloro che raggiungono Bergamo non possono fare a meno di visitare: la torre centrale è affiancata dai torrioni d’angolo, le cisterne, nonché le mura di cinta e gli alloggi che un tempo erano dedicati ai soldati. Inoltre il panorama da quest’altezza è fenomenale.

La Rocca

Sul Colle di Sant’Eufemia sorge un’altra fortificazione: stiamo parlando della Rocca, risalente all’epoca medievale e con funzione militare. Le quattro torri che la compongono sono collegate tra loro mediante dei camminamenti decorati con merlatura ghibellina. Dopo il suo passaggio di proprietà al comune di Bergamo, la Rocca subì numerosi restauri che l’hanno portata ad assumere il suo aspetto originale, anche se la sua struttura comprendeva due piani, il superiore dei quali fu abbattuto nel secolo scorso.

Le mura venete

Un tempo la città di Bergamo era ben difesa: tutt’attorno infatti sorgono le Mura Venete, una cintura di bastioni di circa 6,2 km con lo scopo di evitare l’intrusione di popoli nemici. Visibili ancora oggi, le mura venete possiedono 4 porte che permettevano l’ingresso nella città: la Sant’Agostino, la San Giacomo, la Sant’Alessandro e la San Lorenzo (o Garibaldi).

La Piazza Vecchia

La Piazza Vecchia può essere definita la piazza principale di Bergamo: al suo interno sorgono numerosi edifici storici nonché monumenti artistici che la rendono una delle testimonianze rinascimentali più belle di tutta la città. Tra queste vi sono:

  • la Fontana del Contarini, risalente al 1780, dono alla città di Alvise Contarini al fine di abbellirne la piazza ed alleviare il disagio dei cittadini nei periodi di siccità;
  • il Palazzo Nuovo, oggi sede della Biblioteca ma un tempo ricco di affreschi
  • il Palazzo del Podestà, situato nella parte a nord-ovest della piazza
  • il Palazzo Vecchio, adattato a facciata, considerato il più antico fra tutti i palazzi comunali italiani vista la sua costruzione nel 1100, anche se nel corso dei secoli sono stati effettuati diversi lavori di ristrutturazione
  • la Torre Civica, definita anche Campanone. Dalla sua altezza di 53 metri è possibile godere di una splendida vista e il suono delle sue campane annuncia le riunioni del Consiglio Comunale, nonché l’antico coprifuoco, che scattava alle 22 ed è segnalato da 100 rintocchi.

Il Duomo di Bergamo

Il Duomo di Bergamo è l’edificio religioso principale della città e sorge nell’omonima piazza. In origine questa chiesa possedeva tre navate e in seguito ai lavori di rinnovamento iniziati intorno al 1450, proseguiti poi anche nel ‘600, l’abside ne risultò più lungo e la cupola arrivò a  metà transetto. Inoltre all’interno del Duomo venne anche costruita la Cappella del Crocifisso, verso il 1800, su progetto dell’architetto Dalpino. La scalinata che porta all’ingresso del Duomo lo collega alla piazza, sulla quale spicca la sua imponente facciata bianca, mentre entrando è possibile ammirare, tra le altre cose, diversi affreschi risalenti al 1300.

La Basilica di Santa Maria Maggiore

Uno dei più importanti monumenti di Bergamo è sicuramente la Basilica di Santa Maria Maggiore, costruita dai cittadini in onore della Madonna che, secondo le credenze popolari, li avrebbe liberati dalla peste intorno al 1100. A causa degli edifici presenti nei suoi paraggi si rende difficile osservarne la facciata, ma circuendola è possibile ammirarne i portali e il campanile. L’interno della Basilica, invece, si riflette in toto nello stile barocco, grazie alla sua cupola ottagonale e la pianta  a croce. Sono presenti inoltre innumerevoli affreschi e arazzi fiorentini e fiamminghi.

I musei

A Bergamo sorgono innumerevoli musei sia storici e culturali, sia artistici:

  • la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, nella quale sono esposte opere, tra gli altri, di De Chirico, Morandi, Kandisky, Manzù
  • la Pinacoteca d’Arte Antica in cui sono presenti dipinti di artisti dell calibro di Botticelli, Pisanello, Bellini e Luini
  • il Museo Diocesano di Arte Sacra “Bernareggi”, in cui è possibile ammirare opere provenienti da chiese e conventi
  • il Museo Matris Domini, all’interno del Convento Domenicano omonimo, che possiede affreschi tra i più antichi del territorio
  • Il Museo storico della città, che ricostruisce la storia di Bergamo a partire dal 1797
  • Il Museo Civico Archeologico, situato all’interno della Cittadella e che espone i reperti Preistorici, Protostorici, Paleocristiani e Longobardi.

Insomma, per quanto sia poco gettonata come meta turistica, una visita a Bergamo non può mancare per coloro che cercano una città antica e dal fascino imparagonabile: una vera e propria perla considerata molto meno rispetto a quello che realmente vale.

Booking.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here